Napoli: pizza tour in sette tappe

Nel popolare quartiere di Forcella, a pochi metri da corso Umberto I (il Rettifilo, per i napoletani) si trovano due locali storici: la pizzeria Da Michele, dove si possono degustare solo le classiche pizze Margherita e marinara, e la pizzeria Trianon da Ciro, forse una delle più famose al mondo, con la pizza detta “a ruota di carretto” per le dimensioni. Proseguendo lungo il rettifilo, oltrepassata piazza Garibaldi e lasciando alla nostra destra la stazione ferroviaria di Napoli Centrale, raggiungiamo via Nazionale, dove troviamo la pizzeria da Pellone al Vasto, che propone un imperdibile ripieno fritto e un altrettanto squisito ripieno con scarola. Lasciamo Napoli e raggiungiamo la vicina San Giorgio a Cremano, dove a largo Arso, al confine tra la cittadina e la limitrofa Portici, possiamo sederci alla Pizzeria da Salvo, citata in tutte le principali guide gastronomiche.

Per gustare la vera pizza napoletana, dall’impasto sottile ma soffice, dai profumi e dai sapori inconfondibili, non abbiamo, quindi, che l’imbarazzo della scelta. Due notazioni per concludere: occorre avere molta pazienza perché, soprattutto nelle pizzerie più rinomate, quasi sempre c’è la fila per entrare e i locali, spesso, sono piuttosto spartani, talvolta con lunghi tavoli dal ripiano in marmo.

 Mario Govoni

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Page 2 of 2 | Previous page

Leave a comment