Filed under Città del mondo, Parchi e natura, Uncategorized

Un antico detto arabo recita: “L’uomo teme il tempo, ma il tempo teme le piramidi”.
E c’è da crederci, considerando che la piramide di Cheope è l’unica meraviglia del mondo antico sopravissuta sino ai giorni d’oggi. Mettendo da parte miti e leggende che sull’argomento piramidi si sprecano, vediamo come fare a scoprirle al meglio durante il proprio soggiorno in Egitto.

Le tre piramidi più famose e maestose sono quelle di Cheope, Chefren e Micerino, tutte situate nella splendida piana di Giza, ad appena 15 km. dal Cairo. Raggiungere Giza è molto semplice, sia se si sceglie di partire dalla capitale ( treno o taxi) sia se si sceglie di pernottare direttamente qui. Una volta entrati nel sito, verrete letteralmente sommersi da persone che proveranno a convincervi in tutti i modi a salire su un cammello ed evitare il tragitto a piedi ( considerando i costi meglio fare una camminata). Non distante dalle tre piramidi si erge l’imponente Sfinge, scultura misteriosa ed incredibilmente affascinante, soprattutto al calar del sole. Ma le piramidi egizie non sono solo a Giza, altro sito di notevole interesse è la necropoli di Saqqara, con le celebri piramidi a gradoni ( molto diverse dalle prime). Meritano una visita le piramidi di Djoser e di Unas.Non lontano da Giza, sorge il sito di Dashur, con due grandi piramidi : la piramide romboidale di Snefru (il padre di Cheope) e la piramide rossa.

Oltre le piramidi, altra perla di assoluta interesse dell’ Egitto è in assoluto il Deserto Bianco. Qui il deserto non è come tutti lo immaginiamo, infatti è di un bianco quasi accecante con imponenti formazioni rocciose di gesso, che negli orari di alba e tramonto assumono dei colori che spaziano dal rosa all’arancio: fantastico. L’intero deserto è diventato una parco naturale protetto, che si può esplorare solo con una guida locale che vi accompagnerà con la sua jeep. E’ possibile anche pernottare nel deserto, un’esperienza davvero imperdibile: il silenzio e il cielo diventano quasi surreali. Da vedere è la Montagna di Cristallo, una formazione rocciosa composta esclusivamente da cristalli di quarzo.

Francesco Lupano

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

IL MIO PIANO DI VIAGGIO

0

localitá aggiunta a

organizza il tuo viaggio