Filed under Città del mondo, Hotel / Dove dormire

couch

Spesso mi viene chiesto come faccia a viaggiare per Asia e Medio Oriente contando solamente sui miei risparmi. Viaggiare low cost per molti mesi è possibile: una delle soluzioni è servirsi di Couchsurfing.

Per chi ancora non lo conoscesse, Couchsurfing è un servizio gratuito offerto in rete per permettere ai viaggiatori (e non) di tutto il mondo di registrarsi ed entrare a far parte di una rete di persone che cercano e/o offrono ospitalità a casa propria. A costo zero. Si compila un profilo dettagliato, si allegano una o più fotografie e si mettono a disposizione un divano (couch), uno o più materassi, oppure un’intera stanza con un letto. La disponibilità a ospitare è in media di due o tre giorni, ma capita anche che si venga ospitati per una settimana (o anche più – le amicizie possono nascere inaspettate).

Ho utilizzato CS diverse volte durante i miei viaggi: per citarne alcuni, in Vietnam a Hanoi, e in Iran a Tehran e Shiraz. Ma non sempre: a volte ho bisogno di privacy e solitudine, di ritrovare me stessa e i miei spazi senza dover socializzare per forza con qualcuno; e allora utilizzo altri servizi.

Come fare per non ricevere brutte sorprese all’arrivo dal nostro (o del nostro) couchsurfer? Prima di tutto, dovete leggere con molta attenzione tutto il suo profilo, anche i particolari all’apparenza insignificanti. Cercando un divano a Bangkok, mi ero imbattuta in un ospitante inglese che, tra le righe, aveva accennato in maniera velata che lui e la moglie stavano in casa senza vestiti. Il particolare mi era sfuggito, ma fortunatamente è stato lui stesso ad avvertirmi, prima che accettassi l’ospitalità.

La cosa più importante è però leggere le referenze lasciate da chi è stato ospitato prima di te. Se sei una donna, concentrati sulle referenze lasciate da altre donne al tuo potenziale ospite/ospitante. E fidati sempre del tuo istinto. Durante la mia prima esperienza di Couchsurfing a Tehran  ho conosciuto una ragazza che è poi diventata una delle mie migliori amiche.  Grazie a lei ho visitato angoli meravigliosi e ignorati  dalla maggior parte delle guide, ho approfondito la conoscenza dei costumi e delle tradizioni, sono entrata a contatto con lo spirito della popolazione: tutto questo ha arricchito molto di più la mia esperienza di viaggio rendendola emozionante, stimolante e diversa dalla solita vacanza. E questo credo che sia  il fine ultimo di tutti noi viaggiatori.

Elisabetta Borda

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

One Comment

  1. Posted 06/05/2013 at 23:02 | Permalink

    mi hai davvero incuriosito…

One Trackback

  1. […] parlato di come poter soggiornare gratis viaggiando, e fare nuove amicizie, grazie al servizio di Couchsurfing. Ci sono però altre alternative per dormire low cost: una di queste è […]

Post a Comment

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*
*

IL MIO PIANO DI VIAGGIO

0

localitá aggiunta a

organizza il tuo viaggio