0

Napoleone all’Elba: il bicentenario

Filed under Eventi, Mare, Mostre e musei, Uncategorized

Dal 16 al 19 ottobre del 1813 in Sassonia, attorno alla città di Lipsia, si svolse una battaglia che avrebbe segnato le sorti future dell’Europa e di colui che, in quello scorcio iniziale del XIX secolo, aveva ridisegnato le carte geografiche del Vecchio Continente, svecchiato improvvisamente l’arte militare e dato ai posteri le basi per i codici civili moderni: Napoleone I. Grande stratega, diplomatico, riformatore, ispiratore di artisti, politici, ingegneri aveva modernizzato un continente indolente, dove a farla da padrone erano ancora le monarchie assolute, pur se temperate dai bagliori dell’illuminismo. La battaglia di Lipsia fu una sconfitta per Napoleone, che si dovette ritirare in Francia e difendere il territorio nazionale dagli eserciti prussiani, russi e austriaci, in un’epopea che solo il suo genio militare riuscì a protrarre fino alla fine di marzo. Il 6 aprile 1814 Napoleone abdicò e, dopo diverse vicissitudini, il 4 maggio dello stesso anno sbarcò all’Elba, dove i suoi nemici avevano deciso di esiliarlo, concedendogli  la sovranità sull’isola.

Portoferraio

Portoferraio. Foto di magnetismus

Vi rimase dieci intensi mesi, trasformando la sonnacchiosa periferia del Granducato di Toscana in un’isola fervente di attività. promuovendo la costruzione di infrastrutture,  fortificazioni e  miniere e trasformando Portoferraio, la sua piccola capitale, nel luogo di ritrovo di spie, diplomatici, avventurieri e artisti. A fine febbraio del 1815 Napoleone lasciò di nascosto l’Elba, e il primo marzo sbarcò in Francia, ad Antibes. Iniziava la leggenda dei “Cento Giorni”, nei quali l’Imperatore riconquistò il paese, riorganizzò l’esercito e andò incontro al suo destino nella piana di Waterloo, in Belgio. Avrebbe trovato la morte su un’altra isola, non più nel mar Tirreno, come la Corsica, sua terra natale, o l’Elba, ma sperduta nelle fredde acque dell’Atlantico del Sud: Sant’Elena, a quasi duemila chilometri dalle coste dell’Angola. More »

0

7 mostre di primavera in Italia (seconda parte)

Filed under Città italiane, Eventi, Mostre e musei

Qualche giorno fa abbiamo scritto di tre delle più importanti mostre italiane di questa primavera 2014: “Legér 1910-1930 La visione della città contemporanea”, a Venezia dall’8 febbraio al 2 giugno nella sede di Palazzo Correr,  “L’ossessione nordica. Böcklin Klimt Munch e la pittura italiana” a Palazzo Roverella, Rovigo, dal 22 febbraio al 22 giugno e infine“Matisse, la figura. La forza della linea, l’emozione del colore” (Ferrara, Palazzo dei Diamanti, dal 22 febbraio al 15 giugno). Oggi proseguiamo a scendere la Penisola per visitare altre quattro grandi e interessantissime esposizioni.

La ragazza con l'orecchino di perla

Mostra “La ragazza con l’orecchino di Perla”. Locandina

A Bologna, solo qualche decina di chilometri dai quadri del fauve Matisse, sono esposti i capolavori di alcuni dei più grandi maestri fiamminghi della cosiddetta “Età dell’Oro”: stiamo parlando della mostra “La ragazza con l’orecchino di perla. Il mito della Golden Age. Da Vermeer a Rembrandt, capolavori dal Mauritshuis” , una rassegna eccezionale e irripetibile, che porta all’attenzione del pubblico italiano alcuni dei capolavori del Seicento olandese; la sede è Palazzo Fava, le date vanno dall’8 febbraio al 25 maggio. Il quadro che dà il nome alla mostra è il celeberrimo “La ragazza con l’orecchino di perla”, noto anche come “La ragazza col turbante”, olio su tela che Jan Vermeer,  uno dei maestri della pittura olandese, dipinse probabilmente tra il 1665 e il 1666. Il ritratto raffigura una ragazza posta di tre quarti, con i lineamenti scolpiti dalla luce che proviene da sinistra; lo sguardo languido, le labbra rosse leggermente socchiuse, la perla dell’orecchino a illuminare il viso, danno all’opera un’aria di innocente e acerbo erotismo, ed è conosciuto forse quanto la vinciana “Gioconda”. L’opera è talmente famosa da aver ispirato romanzi e un film, interpretato da Scarlett Johansson. Oltre al capolavoro di Vermeer, la mostra bolognese ospiterà altre 36 opere, tra le quali un altro Vermeer, quattro Rembrandt e poi quadri di Ter Borch, Claesz, Van Goyen, e altri maestri della Golden Age. Le opere esposte provengono tutte dalle collezioni della Mauritshuis, prestigioso museo dell’Aia, temporaneamente chiuso per ristrutturazione. Collaterale a questa rassegna, l’esposizione “Attorno a Vermeer”, nella quale venticinque artisti italiani contemporanei tributano il loro omaggio al pittore olandese. Informazioni, prenotazioni e costi alla pagina di Bologna Welcome dedicata all’evento. More »

1

7 mostre di primavera in Italia (prima parte)

Filed under Città italiane, Eventi

A primavera, col ritorno della bella stagione e di temperature più miti, viene la voglia di fare qualche viaggio: il periodo di Pasqua, i ponti del 25 aprile, del Primo maggio e della Festa della Repubblica sono altrettante occasioni per evadere dalla routine quotidiana e dedicarsi a un turismo sicuramente diverso da quello estivo e balneare. L’Italia, di per sé, è ricchissima di mete ideali per un fine settimana o per qualche giorno di vacanza: ad aumentare l’attrattiva di molte città d’arte ci pensano anche le grandi mostre che mai, come nel periodo primaverile, affollano il calendario. Possiamo discutere se questi eventi siano o meno ben organizzati, se siano troppi, se, infine, siano veramente utili a diffondere la cultura o, piuttosto siano solo fenomeni di massa, almeno per le mostre più pubblicizzate, ai quali il turista à la page non può non andare: di certo c’è solo che, molto spesso, sono l’unico modo per far sì che un gran numero di persone entrino nei musei o vedano palazzi che, altrimenti, resterebbero vuote cartoline delle quali, forse, si ignora storia o esistenza. SI fa un gran dire che la cultura e la bellezza siano la vera ricchezza del nostro paese: forse sarebbe veramente il momento di iniziare a frequentarle di più.

Matisse, mostra a Ferrara

Mostra “Matisse, la figura. La forza della linea, l’emozione del colore”. Locandina.

Quali sono le grandi mostre che questa primavera ci offre l’Italia? Ne abbiamo scelte sette, sicuri di averne dimenticate almeno settanta volte tante, e per sceglierle abbiamo usato un unico criterio, quello del nostro interesse personale: forse non è molto democratico e non tutti saranno d’accordo, ma da qualche parte dovevamo pur cominciare. Per elencarle, senza voler dare la predominanza a una o a un’altra, abbiamo scelto un puro e semplice parametro geografico, scendendo la penisola da Nord a Sud. Per non annoiare il lettore con un lungo elenco abbiamo pensato di dividere il nostro post in due parti: oggi pubblichiamo la prima, nei prossimi giorni sarà la volta della seconda. More »

0

Il Carnevale di Putignano, il più antico del mondo

Filed under Città italiane, Eventi, festività, Uncategorized

A volte vorrei essere un pittore per dipingere le cose delle quali scrivo perché sarebbe più facile rappresentarle. Come si può scrivere del Carnevale, cioè di una festa fatta di colori, di costumi, di maschere, di sfilate, senza perdere di efficacia? A onor del vero, però, anche un pittore avrebbe delle difficoltà, perché non potrebbe rappresentare su tela le musiche, le risate di adulti e bambini, gli odori e i sapori di chiacchiere, crostoli, graffe, frittelle e castagnole, di tutti quei dolci, cioè, che si mangiano in questi giorni. Il Carnevale è una festa dalla doppia personalità: per la Chiesa cattolica è un periodo di riflessione e di riconciliazione, prima dei digiuni della Quaresima e della celebrazione della Pasqua, per il popolo è un momento di divertimento, anche con qualche eccesso, di allegro caos, nel quale tutti sono uguali e tutti sono soggetti a sberleffi e lazzi, come accadeva nelle antiche feste pagane delle dionisie in Grecia e dei saturnali a Roma: come non pensare alle maschere coloratissime ed eccessive del Mardì Gras di New Orleans o alle ballerine succinte e rivestite di lustrini e piume delle scuole di samba di Rio de Janeiro? In Italia sono centinaia le località, piccole e grandi, dove si festeggia il Carnevale, in certi casi ricordando gli antichi riti volti a propiziare il risveglio primaverile della terra: Venezia, Viareggio, Ivrea, Satriano, Cento e l’elenco potrebbe essere infinito, anche se il titolo di Carnevale più lungo e più antico spetta a quello di Putignano, in Puglia, che nel 2014 taglia il traguardo delle seicentoventi edizioni.

Carnevale di Putignano

Sfilata allegorica al Carnevale di Putignano. Foto di BobOne80

Nel 1394 i Cavalieri dell’ordine di San Giovanni di Gerusalemme, (oggi noti come Cavalieri di Malta) che governavano quei territori, decisero di spostare le reliquie di Santo Stefano dall’Abbazia di Monopoli, dove erano esposte agli attacchi dei Saraceni, a una località dell’interno: la scelta cadde su Putignano. Quando la processione con le reliquie giunse in paese, i contadini, impegnati nella propagazione della vite, lasciarono i campi e si accodarono, festanti, al corteo ballando, cantando, e improvvisando versi e satire in dialetto: nascono allora il Carnevale e la Festa delle Propaggini. More »

0

Bruges: merletti, canali e sculture di ghiaccio

Filed under Città europee, Eventi, Passeggiate, Uncategorized

Un’idea per un week end romantico? Bruges, cittadina delle Fiandre ricca di storia, con un bellissimo centro nel quale perdersi, riempiendo gli occhi con gli straordinari scorci offerti da canali, vie e piazze. Il cuore della città è uscito indenne da guerre, incendi, inondazioni e altri disastri e proprio le sue compattezza e integrità hanno fatto sì che fosse proclamato patrimonio dell’Umanità nel 2000 e nel 2002 capitale europea della cultura, assieme alla città spagnola di Salamanca. Bruges è facilmente raggiungibile in treno sia da Anversa che da Bruxelles, gli aeroporti più vicini, ed è a poca distanza dal Mare del Nord, sul quale si apre il porto di Zeebrugge, costruito a partire dal 1907 e ingrandito negli ultimi decenni del XX Secolo, che ha ridato alla città una parte del suo antico splendore.

Bruges, panorama

Uno scorcio di Bruges da uno dei suoi canali. Foto di Wolfgang Staudt

Bruges, pur essendo a  una quindicina di chilometri dal mare, fu un grande porto, un emporio nel quale confluivano merci da tutta Europa: Inglesi, Francesi, Genovesi e Veneziani vi commerciavano stoffe, spezie, pellami, pellicce, oro, vini, grano: non meno di venti erano i consolati che curavano gli interessi dei mercanti stranieri nella città e nel 1309 vi fu istituita quella che è considerata la prima Borsa Valori del mondo. La città, costituita in libera repubblica, fu tra le fondatrici della Lega Anseatica, potentissima unione commerciale che raggruppava un gran numero di città, poste soprattutto in Germania, Polonia e nei paesi baltici. Fiorente era anche l’industria manifatturiera, che trasformava le lane inglesi in tessuti e vesti commercializzati in tutto il mondo allora conosciuto. Il periodo di massimo splendore fu raggiunto tra il XIII e il XIV secolo, quando la città si dotò di strutture di servizio al commercio, come banche, istituti assicurativi, cambiavalute, e di un codice di diritto marittimo. È a questo periodo che risalgono gli edifici più belli e importanti della città. More »

1

Il Concerto di Capodanno a Vienna

Filed under Città europee, Eventi, festività

Volete assistere al concerto di Capodanno della Wiener Philharmoniker? Quest’anno è un po’ tardi per organizzarsi e se anche andaste a Vienna non riuscireste a entrare nella Sala Dorata del Musikverein, una delle sale da concerto più eleganti del mondo: vi dovrete accontentare di vederlo per televisione, davanti a un caffè per svegliarvi dai bagordi della notte di San Silvestro e, magari, con una fetta di panettone a sostituire il pranzo dopo il lauto cenone della sera precedente. Il concerto di Capodanno della Wiener Philharmoniker, quest’anno diretto da Daniel Barenboim, si tiene dal 1939, pochi mesi dopo che la Germania nazista si era annessa l’Austria; il direttore d’orchestra, il maestro Clemens Krauss, scelse per quella prima rappresentazione solo brani da Johann Strauss Junior, che dell’epoca d’oro dell’impero austroungarico era stato il musicista più rappresentativo. Quel concerto, anche per effetto delle scelte musicali fatte, assunse quasi il significato di una una celebrazione patriottica nella quale gli austriaci ricordavano la perduta indipendenza.

Concerto di Capodanno al Musikverein

Concerto di Capodanno al Musikverein di Vienna. Foto di Jaume Meneses

Il concerto fu poi replicato tutti gli anni, fino ad oggi, con la sola interruzione del 1940. Alla guida dell’Orchestra si sono succeduti diversi direttori dopo Krauss (Boskowsky, Von Karajan, Metha, Abbado, Muti, Maazel e le omissioni sono più numerose delle citazioni) e alle musiche di Johann Strauss Junior si sono affiancate quelle del padre Johann Senior e dei fratelli Josef ed Eduard, ma anche di altri compositori austriaci dell’epoca, come Lanner, Ziener, Schubert, Suppè: valzer, polke, mazurke ma anche arie di operette hanno allietato i capodanni viennesi prima e poi, con l’avvento della televisione, di tutto il mondo. A chiudere il concerto, per tradizione, tre brani fuori programma: una polka veloce, il valzer celeberrimo An der schönen blauen Donau (Sul bel Danubio blu), e la Marcia di Radetzky, l’opera più famosa di Johann Strauss padre. More »

0

Salvador Dalì a Sorrento: una mostra da non perdere

Filed under Città italiane, Eventi, Mare, Passeggiate

Sorrento è, senza dubbio, una delle più rinomate località turistiche italiane; diversi sono gli elementi che fanno la sua fortuna: la bellezza dei luoghi, la mitezza del clima, la vicinanza con altre celebri località come Amalfi, Ravello, Positano, Capri o Pompei, e la grande tradizione di accoglienza che si manifesta con una ricettività alberghiera di grande livello. Quest’estate c’è un motivo in più per recarsi nella cittadina: dal 14 giugno al 29 settembre, infatti, Sorrento ospiterà la mostra itinerante “The Dalì Universe”, che approda in Costiera dopo aver toccato da Londra, Venezia e Firenze.

Sorrento

Sorrento (Foto: flickr, Ho visto Nina volare)

Descrivere la personalità di Salvador Dalì è impresa ardua: si tratta, infatti, di uno dei massimi artisti del XX secolo. Tra i principali esponenti del Surrealismo, ha esercitato il suo poliedrico talento nella pittura, nella scultura, nella fotografia e nel cinema, toccando il design, la grafica, la scenografia e la sceneggiatura, disseminando la sua opera di simboli quali elefanti, orologi molli, locuste, formiche e uova, quasi a firmarle. More »

0

Lucca Summer Festival, viaggio nella musica

Filed under Città italiane, Dritte per una serata, Eventi

Piazza anfiteatro in notturna a Santa Zita

 
Da sempre moltissimi viaggiatori scelgono le loro mete di viaggio in base ai concerti dei propri artisti preferiti o ad eventi musicali, perché il turismo è anche questo, il turismo è anche musica. La visita in un paese o in una città unita ad uno spettacolo musicale, una forma intelligente e particolare di turismo.

Come non essere d’accordo se poi  questi eventi sono spesso svolti in località meravigliose dall’altissimo profilo storico e culturale?
È questo il caso del Lucca Summer Festival, che dal 1998 si svolge tutte le estati nella caratteristica cittadina medievale toscana. Manifestazione di straordinario interesse artistico musicale è uno degli eventi più attesi del panorama musicale italiano. More »

0

Maggio dei monumenti: ecco come scoprire i segreti di Napoli

Filed under Città italiane, Eventi, Passeggiate

maggio-dei-monumenti-1

Come tutti gli anni, a partire dal 1994, Napoli sceglie il mese di maggio, quello forse più bello con le sue giornate dal cielo azzurrissimo e terso, e più gradevole, prima della calura estiva, per svelare i suoi segreti e gli angoli più nascosti ai visitatori, siano essi forestieri o locali. La manifestazione “Maggio dei Monumenti”, che quest’anno si intitola “Attraverso Napoli. Chiostri, cortili e sagrati”, si protrae dal 4 maggio al 2 giugno e offre percorsi a scoprire improvvisi scorci che si aprono nel dedalo di vie e vichi che costituiscono il tessuto urbano partenopeo. L’iniziativa, che coinvolge sia enti e istituzioni, sia privati cittadini, ha consentito di mettere a disposizione dei visitatori oltre duecento siti, tra i quali è da citare, perché aperto solo in questa occasione (e per le visite occorre prenotarsi), il Monastero di clausura di Santa Maria di Gerusalemme, detto delle “Trentatrè”. Oltre alle visite guidate, il Maggio dei monumenti offre anche spettacoli di danza, reading di poesia, esecuzioni di musiche tradizionali napoletane ed ebraiche, messe in scena, tarantelle, esposizioni, ad arricchire un’offerta già ricca e fantasiosa.

Due sono i percorsi tematici: il primo è dedicato a Boccaccio, nel settimo centenario della nascita. Giovanni Boccaccio, figlio di un mercante fiorentino, visse a Napoli gli anni dell’adolescenza, tra il 1327 e il 1340; era la città angioina di Re Roberto, pervasa di quella civiltà cortese che tanto aveva influenzato Dante e i poeti del dolce stil novo, e fu il luogo della formazione dello scrittore toscano. Il percorso parte da San Lorenzo e, attraverso diverse tappe, si conclude a San Domenico Maggiore;  in luoghi come il cortile di Castel Novo (meglio conosciuto come il Maschio Angioino), il monastero dei Girolamini, la tomba di Virgilio, o la meravigliosa spiaggia della Gaiola, attori daranno lettura di alcune delle novelle del Decamerone.

Il secondo itinerario, dedicato alla canzone napoletana, è stato realizzato in collaborazione con l’Archivio storico della sede Rai di Napoli: il percorso musicale si snoda attraverso sei tappe, Palazzo Reale, Santa Maria la Nova, Suor Orsola Benincasa, PAN – Palazzo Arti Napoli, Convento di San Domenico Maggiore, Casina Pompeiana (Villa Comunale), in ognuna delle quali totem sonori illustreranno diversi aspetti della canzone napoletana; particolarmente interessanti gli approfondimenti, con diverse versioni di brani classici.

Per maggiori informazioni è consigliabile visitare il sito che il Comune di Napoli ha dedicato alla manifestazione (Maggio dei monumenti 2013) e scaricare la brochure illustrativa, disponibile anche in formato cartaceo presso gli infopoint cittadini.

Consigliabile, per chi vuole visitare sia Napoli, anche al di fuori del Maggio dei Monumenti, sia anche il resto della regione, è la Campania Arte Card, che consente l’ingresso, gratuito o scontato, a un gran numero di musei, siti archeologici e monumenti, nonché  l’uso dei mezzi pubblici di trasporto. La Campania Arte Card è acquistabile on line, tramite call center, presso i più importanti musei e siti archeologici e presso il punto posto all’ interno della Stazione Centrale di Napoli.

0

Milano da vedere: la mostra “Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti”.

Filed under Eventi

 

Milano e l’arte sono  un binomio ormai consolidato. Dopo la mostra dedicata a Picasso, che ha riscosso notevole successo fra i pubblico, Palazzo Reale ospita fino all’ 8 settembre oltre 120 capolavori dell’arte del XX secolo provenienti dalla collezione Netter. Jonas Netter, uomo d’affari e mecenate, riuscì nel corso della sua vita a raccogliere, grazie al suo giro di amicizie  e alla collaborazione con il mercante d’arte Leopold Zborowski, alcune fra le migliori opere degli artisti di Montparnasse: oggi queste sono per la prima volta presentate al pubblico italiano che può finalmente godere delle tele di uno dei suoi più grandi connazionali Amedeo Modigliani.

Il racconto della travagliata vita dell’artista, nato a Livorno ma arrivato in giovinezza in Francia per perfezionare la sua tecnica, è solo uno dei punti di partenza dai quali apprezzare l’esposizione che si sofferma non solo sul talentuoso pittore delle figure “dal collo lungo” ma anche su alcuni dei suoi contemporanei più famosi: Soutine, Derain, Hayden. Grande rilievo è dato pure al rapporto fra Modigliani e le donne, soprattutto due:  Beatrice Hastings, con il quale ebbe una breve, passionale ma violenta relazione e Jeanne Hébuterne, pittrice modella e sua musa ispiratrice. La loro storia scandalosa e contrastata dalla  famiglia di lei per la sua giovane età è ancora oggi uno dei simboli dell’amore totale e sregolato portato fino agli eccessi di un finale tragico. Proprio Jeanne  è la donna  ritratta in due dei dipinti più noti Ritratto di ragazza con i capelli rossi e Ritratto di Jeanne Hébuterne.

Ma la mostra, oltre ad essere un omaggio alla genialità di Modì è anche l’occasione per conoscere l’atmosfera della Parigi dei pittori maledetti. Fra amori sconvenienti e ubriachezza, malinconici paesaggi e figure dall’espressione spiritata lo spettatore viene invitato a fare introspezione personale e analizzare le sue paure, le sue fantasie e il rapporto con la realtà.

L’esposizione è visitabile tutti i giorni della settimana al Palazzo Reale di Milano: sabato e giovedì orario prolungato fino alle 22.30

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

IL MIO PIANO DI VIAGGIO

0

localitá aggiunta a

organizza il tuo viaggio

Switch to our mobile site